Siglato il rinnovo del CIRL Edilizia Industria Molise


Siglato il 5/6/2018, tra l’ANCE Molise e la FENEAL-UIL Molise, la FILCA-CISL Molise, la FILLEA-CGIL Molise, l’accordo integrativo da valere per tutte le imprese dell’Industria dell’Edilizia ed Affini e per i lavoratori da esse dipendenti operanti nel territorio della Regione Molise, con validità fino a tutto il 5/6/2021.

C.P.T. regionale e salute e sicurezza sui luoghi di lavoro


Il rapporto dei professionisti, come sopra individuati, con l’Ente Scuola sarà regolato da apposita convenzione approvata dal Consiglio di Amministrazione; nella stessa dovrà prevedersi a carico dei tecnici stessi l’obbligo di:
– attenersi scrupolosamente alle istruzioni impartite dall’Ente in ordine alle modalità di svolgimento delle visite e in merito alla compilazione dei relativi rapporti;
– mantenere il segreto professionale sul servizio svolto;
– non svolgere attività che possano in alcun modo configurarsi in conflitto d’interesse con l’attività svolta dall’Ente;
– assicurare ad intervalli ravvicinati una presenza presso la sede della Scuola Edile, per relazionarsi con i funzionari dell’Ente incaricati del servizio e i RLST;
– redigere periodiche relazioni sull’attività svolta ed informare tempestivamente l’ufficio in merito ai problemi eventualmente insorti nello svolgimento delle visite.
Il finanziamento per lo svolgimento delle attività su menzionate troverà adeguata copertura nell’ambito dell’aliquota complessiva dell’1% destinata alla Scuola Edile/C.RT. del Molise, auspicando di conseguire l’obiettivo volto a disporre in merito di un finanziamento pari allo 0,20%.


Rappresentanti Territoriali per la Sicurezza (RLST)


Nel confermare i protocolli d’intesa sottoscritti in materia dalle parti come sopra costituite, le stesse concordano di definire il contributo sicurezza dall’1/10/2018 al 30/9/2020 in misura pari allo 0,45%.


Elemento variabile della retribuzione


Gli indicatori/parametri nella determinazione dell’elemento variabile della retribuzione (EVR), sono i seguenti:
1) Numero dei lavoratori iscritti nella Cassa Edile del Molise;
2) Monte salari denunciato in Cassa Edile del Molise;
3) Ore denunciate nella Cassa Edile del Molise;
Le parti individuano nel tavolo di contrattazione territoriale il seguente quarto parametro:
4) Numero delle imprese iscritte alla Cassa Edile e di Assistenza del Molise.
I trienni di riferimento sono il triennio 4/2014 – 3/2017 con il triennio 4/2013 – 3/2016.
Da un’analisi degli indicatori/parametri per gli anzidetti periodi triennali, desunti anche dai bilanci e dati ufficiali della Cassa Edile, emerge che tre indicatori/parametri su quattro sono positivi e uno ha una minima variazione ritenuta ininfluente.
Le Parti determinano per la regione Molise a titolo di “Elemento Variabile della Retribuzione” da calcolarsi sui minimi di paga base in vigore dall’1/1/2018 e con decorrenza dall’1/1/2018, la seguente incidenza ponderale, come di seguito riportato:
1) 15% – numero dei lavoratori iscritti in Cassa Edile della Regione Molise;
2) 40% – monte salari denunciato nella Cassa Edile del Molise;
3) 40% – ore denunciate nella Cassa Edile del Molise;
4) 5% – numero imprese iscritte alla Cassa Edile e di Assistenza del Molise.
Per il periodo 1/1/2018 – 31/12/2018 le Parti individuano l’importo dell’Elemento Variabile della Retribuzione (E.V.R.) per gli operai e gli impiegati della Regione Molise, nella misura pari al 4% dei minimi di paga base in vigore dall’1/7/2014.
Gli arretrati saranno erogati con decorrenza da gennaio 2018 entro la mensilità di luglio 2018.


APE


Premesso:
a) che con protocollo d’intesa sottoscritto dalle Parti in data 25/7/1994 si stabiliva che: “In via del tutto eccezionale, per quanto attiene la situazione del fondo A.P.E., sarà effettuato il ripianamento del deficit maturato al 30/6/1994 prelevando la relativa somma dalle disponibilità esistenti dal fondo Cassa Edile. Le parti concordano che il suddetto prelievo sarà effettuato a titolo di prestito tra i 2 fondi. La restituzione del debito contratto sarà successivamente regolata mediante accordo tra le Parti”;
b) che l’importo girocontato dal fondo Cassa Edile a deficit A.P.E. ordinaria, così come risulta dall’allegato n. 18 del Bilancio consuntivo della Cassa Edile relativo al periodo 1/10/1993 – 30/9/1994, ammonta a lire 779.909.800 (€. 402.789,80);
c) che alla data odierna il fondo di riserva A.P.E. disponibile ha una consistenza di €. 932.458,17;
tutto ciò premesso e ritenuto, le parti, come sopra costituite, stabiliscono:
1) di restituire il debito contratto riallocando dal fondo di riserva A.P.E. al Fondo Cassa Edile la somma di cui alla lett.b) delle premesse, convertita e rivalutata alla data di sottoscrizione del presente protocollo d’intesa, ammontante ad euro 659.769,69;
2) considerato l’ammontare del fondo di riserva A.P.E. di cui alle lett.c) delle premesse, al netto della somma di cui al punto 1), di determinare l’aliquota contributiva A.P.E. per un periodo massimo di due anni dall’1/10/2018 al 30/9/2020 in misura pari al 2,75%;
3) dall’1/10/2020 l’aliquota di riscossione Ape sarà del 3% o pari alla percentuale di contribuzione indicata dalla Commissione Nazionale del FNAPE;
4) per il periodo dall’1/10/2018 al 30/9/2020 la Cassa Edile del Molise garantisce con le riserve APE l’aliquota della contribuzione al FNAPE.